Archivi categoria: Premiazioni

PROBAT 2019

Anche quest’anno le classi Seconde e Quarte della sezione scientifica hanno partecipato alla edizione di PROBAT, e sempre con buoni risultati.

Un numero di 54 allievi delle classi seconde hanno conseguito la certificazione di Livello A (con una percentuale di successo del 65%); di questi, 23 hanno ottenuto il livello A2 e 31 il livello A1.

Un numero di 66 allievi delle classi quarte hanno conseguito la certificazione di Livello B (con una percentuale di successo del 85%), di questi, 56 hanno ottenuto il livello B2 e 10 il livello B1.

Il punteggio massimo di 100 /100 è stato conseguito da 4 studenti, che hanno risposto bene a tutte le domande.

Congratulazioni agli allievi che hanno ottenuto la certificazione!

Certamen Senecanum: premiazione

Anche quest’anno il classico “Franchetti” si è distinto nelle graduatorie del Certamen Senecanum di Bassano del Grappa, giunto alla quattordicesima edizione. Luca Polesel della IIIA – classico ha vinto il Premio speciale “Rotary Club Bassano Castelli” per la migliore traduzione. La premiazione si svolgerà a Bassano il 1 giugno. La prova della Sezione A “Interpretare Seneca” prevedeva la traduzione e commento (o un saggio breve). Quest’anno si è trattato di una sezione della Lettera 59 dalle “Epistulae ad Lucilium“: si parlava della nostra tendenza a compiacerci di lodi altrui, del rischio che il piacere dell’adulazione porti a non conoscere davvero se stessi. L’insufficiente meditazione sul nostro “vero bene” ci porta così ad essere preda di desideri non controllati.


Questo il testo di Seneca della prova: “Quemadmodum autem potest aliquis quantum satis sit adversus vitia discere, qui quantum a vitiis vacat discit? Nemo nostrum in altum descendit; summa tantum decerpsimus et exiguum temporis inpendisse philosophiae satis abundeque occupatis fuit. Illud praecipue inpedit, quod cito nobis placemus; si invenimus qui nos bonos viros dicat, qui prudentes, qui sanctos, adgnoscimus. Non sumus modica laudatione contenti: quidquid in nos adulatio sinc pudore congessit tamquam debitum prendimus. Optimos nos esse, sapientissimos adfirmantibus adsentimur, cum sciamus illos saepe multa mentiri; adeoque indulgemus nobis ut laudari velimus in id cui contraria cum maxime facimus. Mitissimum ille se in ipsis suppliciis audit, in rapinis liberalissimum et in ebrietatibus ac libidinibus temperantissimum; sequitur itaque ut ideo mutari nolimus quia nos optimos esse credidimus. […] Pro sua quemque portione adulatio infatuat: dicamus, ‘vos quidem dicitis me prudentem esse, ego autem video quam multa inutilia concupiscam, nocitura optem. Ne hoc quidem intellego quod animalibus satietas monstrat, quis cibo debeat esse, quis potioni modus; quantum capiam adhuc nescio“.


 

PREMIO ABBIATI DELLA CRITICA MUSICALE ITALIANA AL PROGETTO “OFFICINA MUSICA”

Quest’anno “Officina Musica” ha vinto due premi: il premio speciale della Biennale dei ragazzi per la creatività e il premio Abbiati della critica musicale italiana per la sezione dedicata alle scuole.
Si tratta di due riconoscimenti molto importanti per noi di “Officina Musica” perché vanno a premiare le due anime del progetto: quella creativa del laboratorio e quella della realizzazione musicale sul palcoscenico. Lo spettacolo con cui abbiamo vinto è “Scenari” lo spettacolo realizzato l’anno scorso.
Particolarmente prestigioso per noi è aver vinto per la seconda volta il Premio Abbiati perché, nelle sezioni maggiori di questo premio, che è ambitissimo come il Busoni di pianoforte, vengono premiati gli allestimenti di opere da parte di teatri importanti nel mondo come La Fenice di Venezia o il Rossini Opera Festival di Pesaro. All’Abbiati hanno concorso 70 scuole, Officina Musica con Scenari è risultata vincitrice del primo posto.


IIS BRUNO-FRANCHETTI alla terza edizione di Scienze in Atto

Si è appena conclusa la terza edizione di Scienze in Atto, il progetto di divulgazione scientifica ideato da Eniscuola in collaborazione con il Teatro Coccia di Novara e rivolto quest’anno agli studenti delle scuole secondarie di Venezia e di Mestre.

Obiettivo di Scienze in Atto è quello di favorire la divulgazione e lo sviluppo scientifico attraverso l’elaborazione e la rappresentazione di un testo teatrale. La scienza fornisce i contenuti e l’arte teatrale gli strumenti tecnici e creativi per comunicarli.

Il progetto mira ad avvicinare i ragazzi a temi scientifici e a favorirne una personale rielaborazione attraverso l’ideazione e la scrittura di un testo teatrale.

Per questa edizione sono stati coinvolti i ragazzi dell’IIS «G. Bruno – R. Franchetti» di Mestre-VE, con le classi IB (Liceo Classico Franchetti) e 3F (Liceo Scientifico Giordano Bruno), e del Liceo Classico Europeo Foscarini di Venezia che hanno seguito dei seminari di formazione scientifica sul tema della “bioraffinazione” a cura di Eni.

Leggi l’articolo intero…


 

Premiati al Certamen Senecanum…

Anche con Seneca il nostro liceo ha segnato un successo: Cecilia Manzoni della IIIA classico è tra i premiati del Certamen Senecanum, giunto alla XIII edizione, organizzato dall’Associazione «Dialogos» di Bassano del Grappa.

Diverse le tipologie di prova proposte: la traduzione e il commento; la traduzione e il saggio breve; la “dissertazione” a partire da un brano di Seneca in latino.

Cecilia si è cimentata con la traduzione e il commento di un passo del de brevitate vitae (cap. 14-15): una vita dedicata alla sapientia è veramente ben spesa, perché permette di sperimentare la ricerca di sé, e perché consente di evitare mete di falsa felicità. Un’indicazione controcorrente, ai tempi di Seneca, e ancor più oggi…

Scarica qui l’elenco dei premiati.


Il testo latino…

Lucius Annaeus Seneca, De brevitate vitae ad Paulinum.

XIV.1 Soli omnium otiosi sunt qui sapientiae uacant: soli uiuunt. nec enim suam tantum aetatem bene tuentur: omne aeuum suo adiciunt. quidquid annorum ante illos actum est, illis adquisitum est. nisi ingratissimi sumus, illi clarissimi sacrarum opinionum conditores nobis nati sunt, nobis uiam praeparauerunt. ad res pulcherrimas ex tenebris ad lucem erutas alieno labore deducimur. nullo nobis saeculo interdictum est, in omnia admittimur et, si magnitudine animi egredi humanae imbecillitatis angustias libet, multum, per quod spatiemur, temporis est. 2 disputare cum Socrate licet, dubitare cum Carneade, cum Epicuro quiescere, hominis naturam cum Stoicis uincere, cum Cynicis excedere. cum rerum natura in consortium omnis aeui patiatur incedere, quidni ab hoc exiguo et caduco temporis transitu in illa toto nos demus animo, quae inmensa, quae aeterna sunt, quae cum melioribus communia? 3 isti, qui per officia discursant, qui se aliosque inquietant, cum bene insanierint, cum omnium limina cotidie perambulauerint nec ullas apertas fores praeterierint, cum per diuersissimas domos meritoriam salutationem circumtulerint, quotum quemque ex tam inmensa et uariis cupiditatibus districta urbe poterunt uidere? 4 quam multi erunt, quorum illos aut somnus aut luxuria aut inhumanitas summoueat? quam multi qui illos, cum diu torserint, simulata festinatione transcurrant? quam multi per refertum clientibus atrium prodire uitabunt et per obscuros aedium aditus profugient? quasi non inhumanius sit decipere quam excludere. quam multi hesterna crapula semisomnes et graues, illis miseris suum somnum rumpentibus, ut alienum exspectent, uix adleuatis labris insusurratum miliens nomen oscitatione superbissima reddent? 5 hos in ueris officiis morari [putamus] licet dicant, qui Zenonem, qui Pythagoran cotidie et Democritum ceterosque antistites bonarum artium, qui Aristotelem et Theophrastum uolent habere quam familiarissimos. nemo horum non uacabit, nemo non uenientem ad se beatiorem amantioremque sui dimittet. nemo quemquam uacuis a se manibus abire patietur. nocte conueniri et interdiu ab omnibus mortalibus possunt.


XV.1 Horum te mori nemo coget: omnes docebunt. horum nemo annos tuos conteret: suos tibi contribuet. nullius ex his sermo periculosus erit, nullius amicitia capitalis, nullius sumptuosa obseruatio. feres ex illis, quidquid uoles. per illos non stabit, quominus quantum plurimum cupieris, haurias. 2 quae illum felicitas, quam pulchra senectus manet, qui se in horum clientelam contulit? habebit, cum quibus de minimis maximisque rebus deliberet, quos de se cotidie consulat, a quibus audiat uerum sine contumelia, laudetur sine adulatione, ad quorum se similitudinem effingat. 3 solemus dicere non fuisse in nostra potestate, quos sortiremur parentes, forte nobis datos: nobis uero ad nostrum arbitrium nasci licet. nobilissimorum ingeniorum familiae sunt: elige in quam adscisci uelis. non in nomen tantum adoptaberis, sed in ipsa bona, quae non erunt sordide nec maligne custodienda: maiora fient, quo illa pluribus diuiseris. 4 hi tibi dabunt ad aeternitatem iter et te in illum locum, ex quo nemo deicitur, subleuabunt. haec una ratio est extendendae mortalitatis, immo in inmortalitatem uertendae. honores, monumenta, quidquid aut decretis ambitio iussit aut operibus exstruxit, cito subruitur. nihil non longa demolitur uetustas et mouet: at iis, quae consecrauit sapientia, noceri non potest. nulla abolebit aetas, nulla deminuet: sequens ac deinde semper ulterior aliquid ad uenerationem conferet, quoniam quidem in uicino uersatur inuidia, simplicius longe posita miramur. 5 sapientis ergo multum patet uita. non idem illum qui ceteros terminus cludit. solus generis humani legibus soluitur. omnia illi saecula ut deo seruiunt. transiit tempus aliquod: hoc recordatione conprendit. instat: hoc utitur. uenturum est: hoc praecipit. longam illi uitam facit omnium temporum in unum conlatio.


Olimpiadi Nazionali delle Lingue e Civiltà Classiche

Irene Salvadori di IIC classico è in finale

Con la traduzione e il commento di un passo di Sallustio Irene Salvadori di IIC è giunta in finale alla settima edizione delle Olimpiadi Nazionali delle lingue Classiche. Il passo (Bellum Iugurthinum, 63) presentava un ritratto a luci (molte) e ombre (poche) dell’homo novus Caio Mario, colto nel momento in cui, durante la guerra contro Giugurta, si oppone alla superbia della nobilitas e pretende di poter accedere al consolato solo grazie ai propri meriti…

Dopo aver superato la prova regionale a Venezia, Irene sarà attesa a Pavia, dall’8 all’11 di maggio.

Caio Mario

Risultati Matematica senza Frontiere 2017/18

Risultati e Quadro di eccellenza

Le nostre classi hanno ben figurato.

Matematica senza frontiere è una competizione molto educativa perché vince una classe, non vincono i gruppi che lavorano all’interno della classe; perciò è un format didattico che stimola l’interazione tra singoli all’interno di una comunità in funzione degli obiettivi della comunità (non dei singoli né dei singoli gruppi all’interno della comunità).

Facciamo i complimenti ai ragazzi di 2G (docente: Daniela Querci della Rovere) e di 3F (docente: Irene Raspanti) tramite i loro insegnanti.

LEGGERE QUI TUTTI I PARTICOLARI DELLA COMUNICAZIONE UFFICIALE


 

PREMIATI AL “Concorso nazionale di Filosofia”…

Un “team” della Classe II C Classico, formato dagli allievi: Virginia Albèri, Celeste Facchin, Elena Maurin, Enrico Pesce e Pietro Sanfilippo, si è classificato al secondo posto per la produzione di un cortometraggio sulla “Natura del bello” al Concorso nazionale di Filosofia posto in essere dall’Associazione “Romanae Disputationes”, in collaborazione con L’Università Cattolica di Milano, l’Università di Padova, l’Alma Mater Studiorum di Bologna, la Pontificia Università San Tommaso d’Aquino di Roma, la Cineteca di Bologna ed altri Enti culturali.

Il Concorso in questione ha visto la partecipazione di oltre 70 Istituti superiori italiani.

Guarda il cortometraggio Et omnia vanitas.

Video vincitori premio Bruno Rosada del Festival Pasinetti

I video vincitori della sezione booktrailer-premio Bruno Rosada del Festival Pasinetti:

Il maestro e Margherita di Matilde Milan, VC sez classico
Il romanzo del Vendee di Leonardo Trevisan e Francesco Vezzani, VA sez classico

saranno proiettati alla 74 ª Mostra del cinema di Venezia LUNEDì 4 SETTEMBRE DALLE 16.30 ALLE 18.00 – STAND REGIONE DEL VENETO – HOTEL EXCELSIOR


 

MICHELE ANTELLI ( 5G ) ARGENTO AI MONDIALI U19 DI BASKET!

Della favolosa squadra che ai mondiali U19 di basket ha ottenuto uno storico argento fa parte anche un nostro studente  della classe 5G : MICHELE ANTELLI.

Complimenti a Michele per lo splendido risultato sportivo e scolastico dato che ha anche sostenuto, nel breve intervallo tra la preparazione e la partecipazione alla competizione, l’Esame di Stato, conseguendo un ottimo 88.

Un grande in bocca al lupo per il suo futuro sportivo e universitario!

Riportiamo il link per un articolo della stampa locale contenente un’intervista a Michele.

http://tribunatreviso.gelocal.it/sport/2017/07/12/news/antelli-e-stato-un-incredibile-argento-iridato-1.15606804